• Current

Sabato, 14 Aprile 2018

WHITE RABBIT, RED RABBIT

  • DI NASSIM SOLEIMANPOUR

    CON FABRIZIO GIFUNI

    PRODUZIONE 369GRADI

    DIREZIONE GENERALE VALERIA ORANI

    FOTO FILIPPO VINICIO MILANI

evento speciale di Middle East Now, Festival di cinema e cultura contemporanea sul Medio Oriente - Firenze, 10 - 15 aprile

White Rabbit, Red Rabbit è un esperimento sociale in forma di spettacolo. L’attore che lo interpreta per un’unica volta, senza regia e senza prove, apre la busta sigillata che contiene il testo già sul palco e ne condivide il contenuto con il pubblico. Una sedia, un microfono, un leggio, gli orpelli concessi. Il qui e ora nella sua massima espressione. Il testo è un veicolo per l’autore, l’iraniano Nassim Soleimanpour per condividere una condizione attraverso parola e gioco, ironia e intimità, innescando una reazione a catena estremamente stimolante. Ci sono delle regole da rispettare per chi accetta la sfida: chi decide di portarlo sulla scena non può averlo visto prima. Deve arrivare sul palco ed iniziare a giocare. Deve portare in dote coraggio e leggerezza, intraprendenza, ironia ed intelligenza. 

White Rabbit, Red Rabbit è un testo teatrale che attraversa il mondo dal 2011, anno in cui ha debuttato all’Edimburgh Fringe Festival, è stato tradotto in 20 lingue e ha fatto più di mille repliche. La natura del progetto lascia poche tracce online, e si chiede ai giornalisti di non svelare il contenuto del testo, solo di condividerne le impressioni dopo l’esperienza vissuta. È un fenomeno inarrestabile, è un flusso in cui in Italia è entrata 369gradi, società di produzione teatrale che lavora nell’ambito della ricerca e dell’innovazione. Per raccontarlo ci piace far presente che è stato rappresentato da Sinead Cusack, Whoopi Goldberg, Ken Loach e in Italia da Lella Costa e Federica Fracassi, per esempio, e citare alcune delle città in cui è programmato lo spettacolo nel 2017: Mexico City, Bristol, Adelaide, Nizza, Praga, Santiago del Chile, Barcellona e Sao Paolo. 369gradi ha acquisito i diritti per l’Italia e avvia il gioco all’Angelo Mai di Roma luogo di ricerca, sperimentazione e apertura a progetti fuori formato per eccellenza.

Nassim Soleimanpour è un autore di Teheran, Iran. I suoi spettacoli sono stati tradotti in 20 lingue. Conosciuto per White Rabbit Red Rabbit testo premiato come Best New Performance al Dublin Fringe Festival, al Summerworks Outstanding New Performance Text Award e al The Arches Brick Award che ha ricevuto anche menzioni speciali al Total Theatre e al Brighton Fringe Pick of Edinburgh Award. Quando a Nassim fu permesso di viaggiare per la prima volta, all'inizio del 2013, White Rabbit Red Rabbit era stato eseguito più di 1000 volte in 20 lingue.

ORARI

SABATO21:00

  • Prezzi

     Intero  15,00
    Ridotto*  12,00 
     Ridotto** 9,00 

     

    * Cral convenzionati, Unicoop Firenze, Carta Più/MultiPiù la Feltrinelli, Tessera Arci, Soci Aci, Over 65, Under 26, CTS, Università dell’Età Libera, SDIAF, Gender Bender Card, Tessera Soci Arcigay e Arcilesbica

     **Studenti delle scuole medie superiori, universitari e allievi delle scuole di danza e teatro muniti di tesserino 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.